Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: per eliminare questo banner e acconsentire all'utilizzo dei cookie fai clic su 'Chiudi’. Per maggiori informazioni consulta l'informativa cliccando su 'Info'.

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

2sianimato

20 giorni per pagare la mini imu

“Ma non l'avevano abolita?”: 20 giorni per pagare la mini imu. I CAAF CGIL presi d'assalto da cittadini disorientati

Il 2014 inizia, per i contribuenti, col rompicapo della cosiddetta “mini Imu” sulla prima casa e sulle pertinenze, che va pagata entro il 24 gennaio.

Il 72 % dei Comuni della Provincia di Pistoia (16 su un totale di 22) hanno deliberato un'aliquota Imu superiore al 4 per mille (soglia rimborsata dallo Stato).
Chi abita in questi Comuni: Agliana, Buggiano, Cutigliano, Lamporecchio, Larciano, Massa e Cozzile, Monsummano Terme, Montale, Montecatini Terme, Pescia, Pieve a Nievole, Ponte Buggianese, Quarrata, San Marcello Pistoiese, Serravalle Pistoiese, Uzzano, dovrà pagare, entro il 24 gennaio, la “mini Imu” e cioè il 40% del “di più” del 4 per mille. Si va dal 4,20 per mille di Massa e Cozzile al 6 per mille di San Marcello Pistoiese.  Per quanto riguarda il Comune di Pistoia dovranno pagare le abitazioni principali e relative pertinenze classificate nella categoria A/7.
Sono circa 9 mila i cittadini della Provincia di Pistoia che si sono già rivolti ai Caaf della Cgil, 9 mila cittadini che saranno costretti a “mettersi in fila”. Dal 7 gennaio gli uffici della Cgil prenderanno gli appuntamenti per calcolare quanto dovuto (numero verde 800.730.800).  Il Caaf stima che circa il 9 % dei contribuenti della Provincia di Pistoia potrebbero essere esonerati dal pagamento della mini Imu, ma solo l'elaborazione della pratica potrà confermare l'eventuale esonero.
Inoltre questa situazione, così assurda, genererà clamorose disparità, perché come dicevamo prima, ogni Ente ha scelto aumenti diversi così che cittadini residenti in Comuni limitrofi si troveranno a pagare aliquote diverse o a non pagarle affatto. Oltre a questo i Comuni con un proprio regolamento, hanno deliberato l'importo di versamento minimo, al di sotto del quale si è esentati al pagamento della “tassa. Versamento minimo che varia  da Comune a Comune (si va dai 12 euro di Agliana, Buggiano, Larciano, Monsummano Terme ai 4 euro di Cutigliano, Lamporecchio, Massa e Cozzile, Ponte Buggianese, San Marcello Pistoiese), creando così un'altra disparità di trattamento.
Insomma, sulla mini Imu è stato fatto un pasticcio: i cittadini dovrebbero essere messi a conoscenza dei loro obblighi fiscali senza rincorse ed incertezze. Il CAAF CGIL sta implementando i servizi per mettersi a disposizione di tutti: come sempre non lasceremo nessuno da solo.

CGIL Pistoia
CAAF CGIL Pistoia

Iscriviti alla CGIL

CGIL 2016

logo

logo

logo

logo

logo

logo

logo

logo

logo

logo

agenda

Novembre   2017
L M M G V S D
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      

Chi è online

Abbiamo 99 visitatori e nessun utente online

Login