Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: per eliminare questo banner e acconsentire all'utilizzo dei cookie fai clic su 'Chiudi’. Per maggiori informazioni consulta l'informativa cliccando su 'Info'.

Disdetta degli accordi integrativi di Copit spa

La cgil chiede un incontro urgente alle istituzioni

Le Segreterie Generali della CGIL e della FILT CGIL di Pistoia hanno richiesto un incontro urgente alla Presidente della Provincia di Pistoia e al Sindaco del Comune di Pistoia per discutere la situazione esistente nel settore del Trasporto Pubblico Locale,

alla luce sia dei tagli operati da Governo Nazionale che ledono il diritto alla mobilità dei cittadini sia della incomprensibile -e scellerata- decisione unilaterale della Presidenza di Copit SpA di disdire gli accordi integrativi aziendali.

Quest’ultima scelta, a parere del Sindacato, è un aperto tentativo di mettere in discussione un percorso, positivamente avviato tra Regione Toscana e Organizzazioni Sindacali, relativo ad una riorganizzazione del Trasporto Pubblico Locale capace di coniugare le esigenze di un servizio efficiente rispondente ai bisogni dei cittadini con il mantenimento dell’occupazione ed il rispetto dei diritti dei lavoratori.

La scelta condivisa, tra Regione Toscana e Organizzazioni Sindacali, di addivenire alla configurazione di un unico gestore del TPL in tutta la Regione, non può essere messa in ombra dalle conseguenze inevitabili di atti come quelli adottati dall’azienda della mobilità pistoiese che producono, tra l’altro, un inevitabile inasprimento nelle relazioni industriali.

L’incontro è stato richiesto alle Amministrazioni Locali anche in virtù del fatto che le stesse detengono la maggioranza del pacchetto azionario di Copit SpA.

La Segreteria della CGIL di Pistoia

La Segreteria di FILT CGIL Pistoia

2SiQuadrAn

Archivio

Login