Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: per eliminare questo banner e acconsentire all'utilizzo dei cookie fai clic su 'Chiudi’. Per maggiori informazioni consulta l'informativa cliccando su 'Info'.

header

Il bilancio di previsione 2018, frutto di una mancata concertazione con le parti sociali, ha partorito alcuni mostri, fra i quali l’eliminazione dell’esenzione totale per la prima fascia di ISEE per il pagamento degli asili ni

Questa misura, salutata con entusiasmo dai consiglieri comunali di maggioranza e camuffata da un egualitarismo ipocrita e anacronistico, rivela molto della visione dell’amministrazione comunale su temi di grande importanza come l’occupazione, l’equità sociale e l’educazione nella fascia 0-6 anni.
Prendendo atto, nostro malgrado, che le discussioni politiche e pseudo-politiche, si svolgono attualmente sui social, è proprio da Facebook che apprendiamo, in un post dell’assessore Alessio Bartolomei che la scelta fatta è giusta poiché "chi non ha lavoro non manda i figli all’asilo nido, perché ha il tempo ed il modo di accudirli. Chi invece il lavoro ce l’ha, non ha problemi a pagare una retta minima". Come dire che i disoccupati sono destinati a rimanere tali, impossibilitati a cercare un’occupazione poiché impegnati nella cura dei figli e che i loro bambini sono giustamente ed automaticamente esclusi dalla possibilità di usufruire di misure educative e di socializzazione. Nessuna mobilità sociale, quindi, per i tanti cittadini in difficoltà, né alcuna possibilità di crescita per i loro figli: una visione manichea, classista e maschilista, poiché sappiamo bene che ad occuparsi della cura dei figli sono in misura maggiore le donne.
"Ci ritroviamo per l’ennesima volta a dover spiegare all’assessore Alessio Bartolomei che cosa sono gli asili nido pistoiesi, qual è la pedagogia che li sostiene, quali sono le loro finalità e le loro caratteristiche - si legge in una nota prodotta dalle insegnanti comunali iscritte alla FP CGIL - l’intera città di Pistoia è al servizio dei bambini e bambine da almeno 40 anni e ne costituisce una risorsa per la loro EDUCAZIONE. Tutti i cittadini, soprattutto quelli che hanno frequentato i nostri servizi educativi, ne sono coscienti, tutti tranne gli attuali amministratori.
I nostri nidi sono servizi EDUCATIVI a tutti gli effetti e riconosciuti finalmente anche dallo Stato che li ha inclusi nel Sistema Educativo 0/6. Sono concepiti come luoghi di crescita, dove l’apporto dei compagni e la mediazione dell’adulto costituiscono i presupposti di fondo per il benessere del bambino. E’ chiaro che prendendo in carico un bambino/a si accoglie tutta la sua famiglia, ma non si parla di ASSISTENZA.
Gli asili nido sono nati come servizi assistenziali, ma si sono liberati da questa connotazione da molti anni e Pistoia con la sua Pedagogia ha dato un forte contributo in questo senso.
I servizi educativi a Pistoia sono un’eccellenza a livello mondiale, considerando tutte le delegazioni, i tirocinanti delle Università italiane e straniere, i Docenti universitari stessi, il CNR di Roma che ci visitano e collaborano con noi, è giusto dirselo.
Occorre che l’Amministrazione continui a prendersene cura, cercando di conoscere queste realtà, prima di prendere provvedimenti che possono danneggiare un bene prezioso per tutta la città. Per questo rinnoviamo l’invito in particolare all’Assessore Bartolomei e a tutta l’Amministrazione a farci visita in prima persona".

Su questi temi, come sindacato, non arretreremo mai e ci aspettiamo un confronto nel merito e non ideologico.

Segreteria CGIL Pistoia
Segreteria FP CGIL Pistoia
Le insegnanti comunali iscritte FP CGIL

Embed videos that live natively in your website's design.