Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: per eliminare questo banner e acconsentire all'utilizzo dei cookie fai clic su 'Chiudi’. Per maggiori informazioni consulta l'informativa cliccando su 'Info'.

Lutto nella CGIL pistoiese

E' morto all'età di 81 anni Gianfranco Migliani.
Fondatore a Pistoia della Cgil Scuola, ne fu, dagli anni '70, il primo Segretario, contribuendo a dare dignità e riconoscimento di lavoratori agli insegnanti e a tutto il personale della scuola.

Andato in pensione nel '97, iscrittosi allo SPI CGIL, si è fatto apprezzare per l'attività svolta a fianco dei pensionati. Lasciò nel '90 per motivi di salute dopo vent'anni di profondo impegno nel sindacato e nella nuova categoria, gettando solide basi per il percorso nato con lui. Chi fu al suo fianco in quegli anni, come il preside Angelo Borchi e tutti i compagni della Cgil che lo hanno conosciuto, lo ricordano come una persona squisita; si batteva con vigore per le cause di tutti, appassionato e coinvolgente, non si è mai risparmiato. La Cgil tutta e la FLC salutano un pezzo importante della propria storia e abbracciano Grazia e i figli.

No alle manifestazioni fascicte


NO alla manifestazioni neofascite!

La CGIL di Pistoia ha letto con viva apprensione l’annuncio dell’organizzazione neofascista Forza Nuova di organizzare una manifestazione a Pistoia il prossimo 21 aprile.

Leggi tutto...

Cure intermedie: la soluzione adottata per il sindacato è inadeguata

In relazione alla notizia pubblicata su alcuni quotidiani che da lunedì 4 dicembre saranno attivi n. 20 posti di letti di cure intermedie presso la Fondazione Turati a Gavinana, non possiamo che rimarcare la nostra contrarietà a questa soluzione che, senza nulla togliere alla qualità del servizio reso dalla Fondazione Turati, non risolve in maniera opportuno i problemi di coloro che avranno bisogno di questo tipo di assistenza.

Da tempo chiediamo e sollecitiamo risposte concrete sul piano dell’organizzazione che aumentino la quantità e qualità dei servizi e, in questa ottica, tutto ciò che "in più" viene realizzato per dare maggiori servizi ai bisogni sociosanitari dei cittadini è "cosa buona e giusta".
La CGIL, lo SPI e la FP di Pistoia chiedono insistentemente dal lontano gennaio 2015 (quasi 3 anni fa) la predisposizione nella zona di Pistoia di almeno 40 letti di cure intermedie per dare risposte sia ai pazienti dimessi dall'ospedale San Jacopo sia per coloro che con questo servizio non sarebbero costretti a ricoverarsi nelle strutture ospedaliere. Questo permetterebbe al paziente, ai familiari ed ai medici di famiglia di avere un sostegno non indifferente ed una tranquillità maggiore per tutto il tempo necessario fino alla completa guarigione.
Ma crediamo che averli individuati a Gavinana non sia stata la soluzione logistica migliore (vista la distanza di circa 30 km da Pistoia) soprattutto per garantire una continuità assistenziale da parte del medico di famiglia ed una accessibilità familiare degna di questo nome.
Non si poteva pensare di realizzarli, per esempio, al Villone Puccini che dista 2 km dal centro della città? o nelle strutture ancora esistenti e facilmente attrezzabili del "vecchio" ospedale del Ceppo?
Siamo consapevoli che qualunque opportunità occupazionale anche nel settore socio sanitario del territorio della montagna pistoiese particolarmente fragile sia da considerarsi una priorità, così come altrettanto prioritario è il diritto dei cittadini ad avere risposte sanitarie valide e fruibili e pertanto invitiamo i Sindaci, la SDS ad una riflessione attenta per trovare risposte organizzative rispettose di queste due inderogabili esigenze.

CGIL Pistoia
SPI CGIL Pistoia
Funzione Pubblica CGIL Pistoia

2SiQuadrAn

Archivio

Login