Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: per eliminare questo banner e acconsentire all'utilizzo dei cookie fai clic su 'Chiudi’. Per maggiori informazioni consulta l'informativa cliccando su 'Info'.

sanità

  • Si susseguono ormai da tempo notizie riguardanti riorganizzazioni e razionalizzazioni delle attività socio-sanitarie sul nostro territorio, in particolare della rete ospedaliera.
    Si rincorrono ipotesi, tesi, opzioni, prese di posizione le più varie.

  • Egr. Direttore,
    era il 12 di maggio scorso quando abbiamo iniziato la discussione per noi non più rinviabile alla luce delle emergenze determinatesi, per ridefinire con l'Asl3 i contenuti e gli obiettivi del Patto per la Salute, incentrato, come sa, sui seguenti temi da noi proposti:

  • Questa non è razionalizzazione!

    Apprendere dalla stampa notizie riguardanti riorganizzazioni e razionalizzazioni delle attività socio-sanitarie sul nostro territorio non è ormai più una novità. Impegni formali assunti, protocolli di relazioni sindacali sottoscritti devono essere considerati lettera morta? Se è così si dica chiaramente!

  • I bisogni di salute del cittadino guidino scelte partecipate e condivise.

    CGIL, FP, SPI e CGIL Medici, a seguito della richiesta inoltrata anche a mezzo stampa, hanno incontrato il Direttore Generale, dott. Alessandro Scarafuggi, ed la Direttrice Sanitaria, d.ssa Silvia Briani, dell’Azienda Unità Sanitaria Locale 3 in merito alle notizie relative ad ipotesi di chiusura di reparti e servizi nei presidi di Pescia e San Marcello che stanno alimentando confusione e disorientamento fra il personale e nella cittadinanza.