Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: per eliminare questo banner e acconsentire all'utilizzo dei cookie fai clic su 'Chiudi’. Per maggiori informazioni consulta l'informativa cliccando su 'Info'.

Disoccupazione requisiti ridotti e disoccupazione agricola: parte la campagna 2011

Parte la campagna per presentare la domanda di “indennità disoccupazione con i requisiti ridotti” e come ogni anno la CGIL, l’INCA, le CATEGORIE interessate si mettono a disposizione per la compilazione delle domande.

Il servizio partirà in questi giorni e terminerà il 31 Marzo 2011. Saranno coinvolti tanti lavoratori: precari, saltuari, a termine, stagionali, discontinui di ogni settore e categoria.
Per usufruire di questo ammortizzatore è necessario vantare, nell’anno 2010, almeno 78 giornate lavorative (comprese le festività ed eventuali periodi di malattia) e avere un’anzianità di iscrizione all’INPS di almeno una settimana prima del 1° Gennaio 2009.
Per presentare la domanda è necessario: il modello DL 86/88, che dovrà essere compilato dai datori di lavoro (disponibile presso le nostre sedi INCA), il codice fiscale, una copia dei vari contratti di lavoro o buste paga per l’anno 2010 e un documento di identità. Per i lavoratori che percepiscono anche l’assegno a nucleo familiare è necessario portare i redditi del 2008 e 2009 e il codice fiscale di tutti i componenti il nucleo familiare. Per gli extracomunitari è, inoltre, necessario il permesso di soggiorno.
Con la stessa scadenza si può presentare la domanda anche per i lavoratori agricoli (disoccupazione agricola). Primo requisito necessario: vantare nell’anno 2010 uno o più rapporti di lavoro che non abbiano coperto l’intero anno lavorativo, e far compilare al datore di lavoro il modello DMAG/SOST.
Quanto si può percepire dipende dalla retribuzione presa a riferimento. Mediamente intorno al 35 – 40% delle stesse.
Una goccia in un mare di assoluta incertezza per il futuro lavorativo di tante donne e uomini anche nel nostro territorio. Impossibile quantificare quella che sarà la domanda: sembra incredibile ma il problema potrebbe essere non aver lavorato neppure le 78 giornate necessarie. La classica guerra fra poveri. E meno male che la crisi era superata!!!

INCA CGIL Pistoia

2SiQuadrAn

Archivio

Login